PERCHE’ ?

Perché questo sito? vi chiederete. Presto detto perché i giovani non hanno sufficiente audience presso la pubblica opinione; anche all’interno dei gruppi sociali di appartenenza, non ultimo i gruppi politici. Quindi può essere opportuno costruire una “RIBALTA DEI GIOVANI” che offra l’occasione di far conoscere i loro pensieri, le attese, le speranze e le delusioni. Devo dire che le prime risposte ipotizzate per creare un quadro di riferimento,sottoposte in anteprima al vaglio critico di alcuni esperti,sono state ritenute molto interessanti per chi sappia leggerle con la dovuta attenzione; e mi auguro che in molti vogliano contribuire a rendere questo sito un punto di riferimento per coloro che desiderano conoscere a fondo l’universo giovanile, di cui sono in molti a parlare da angolazioni diverse ma il più delle volte con scarsa conoscenza concreta;forse ciò è dovuto al fatto che la società moderna è troppo ricca di “esperti accademici “e di “specialisti dell’affabulazione”, ma poverissima di “laureati in umanità”. Pur risalendo ad alcuni anni fa lo studio “3 crisi di immagine e di consenso……”(gratuitamente scaricabile dal sito leonardomontoli.com/titoli),secondo alcuni indulgenti lettori di buona volontà,conserva tuttora la sua attualità ed offre spunti di discussione, come utile quadro di riferimento ricco di provocazioni culturali, per chiunque abbia a cuore le sorti del nostro Paese; a prescindere dalla sua posizione politica, religiosa e dal ruolo che ricopre nella società. Per quel che mi risulta, contrariamente a quanti molti pensano, sono proprio i giovani ad avere a cuore i problemi del nostro Paese, non fosse altro perché il suo futuro sarà il loro futuro: quindi il ragionare sul presente non è tempo perso ma li riguarda molto da vicino. D’altra parte è un loro preciso diritto-dovere dire come la pensano e dare suggerimenti, se ne hanno di utili, per migliorare questa società nella quale si svolgerà la loro vita futura. Mi sembra questa una ragione più che sufficiente per creare ed attivare un sito che spero porti qualche contributo positivo. Sia ben chiaro però che non pubblicheremo alcun messaggio contenente offese a persone o istituzioni, credi politici o religiosi: lasciamo queste iniziative ai “ciarlatani” che nulla hanno a che fare con la “serietà” dei giovani.

 

                                                                                                                          Leonardo Montoli